Microscopi: caratteristiche e struttura

I microscopi sono uno strumento tecnico di studio molto importante, e devono presentare diverse caratteristiche e garanzie per permettere il massimo della precisione.

Generalmente tutti i modelli sono dotati di una struttura di base ben definita, molto simile per quasi tutti i tipi di microscopio che trovate in commercio. Questa struttura presenta tre parti fondamentali, che ci consentono il corretto uso dello strumento.

Ogni tipo di microscopio presenta un sistema ottico che viene collegato ad un sistema di illuminazione, entrambi sono poi poggiati sulla struttura di sostegno che ne permette l’uso. L’intera struttura della maggior parte dei modelli in genere deve essere trasportabile, piuttosto leggera e garantire il corretto utilizzo. Esistono anche alcuni modelli decisamente molto professionali e specifici, che invece presentano una struttura di tipo fisso.

Ciascuna delle tre parti elencate dei microscopi è composta da una serie di elementi che risultano indispensabili, sono quelli che poi dovete valutare in caso di acquisto.

Abbiamo la parte fondamentale che viene chiamata “testa” , dove vengono posizionati gli oculari con gli obiettivi ottici. Per scegliere un buon microscopio dobbiamo scegliere quello che presenta la qualità degli obiettivi conforme ai nostri bisogni. In ogni microscopio è poi presente un condensatore che ci permette, tramite un sistema di lenti, di indirizzare un fascio di luci verso il campione da analizzare. Altra parte importante da considerare nel microscopio è il revolver, che di solito viene posto al lato della macchina e ci consente di cambiare obiettivo senza dover smontare costantemente le lenti. Se volete saperne di più riguardo ai microscopi alle offerte e ai modelli, cliccate sul link che segue https://microscopiomigliore.it

Avere un’idea precisa di tutte le varie componenti del microscopio però non basta per poterlo scegliere con cura. Preventivamente bisogna capire l’uso precipuo che andremo a fare di questo strumento . Infatti esistono almeno tre tipologie base diverse di microscopi: abbiamo i modelli biologici, stereoscopici ed elettronici.

Ogni modello inoltre, in base al prezzo e alla qualità delle lenti, presenta un potere di risoluzione diverso. Per scegliere si tratta di conoscere i parametri tecnici fondamentali da considerare come il numero di ingrandimenti o il tipo di oculare. Le fasce di prezzo di questi prodotti sono davvero varie, abbiamo sia microscopi molto economici adatti a studi più blandi sia modelli ipertecnologici e dal costo molto più corposo.

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.