Risparmio energetico del cronotermostato: quanto si può risparmiare?

Il cronotermostato è un dispositivo digitale, che collegato ad una caldaia, è in grado di regolare e mantenere, tramite impostazione manuale digitalizzata dall’utente,  in ambienti chiusi, quali case, uffici e negozi, una gestione del clima di riscaldamento ottimale. Grazie a questo marchingegno intelligente viene evitato il reintegrare di riscaldamento con i convettori elettrici o pompe di calore escludendo così gravose spese sulle utenze domestiche infatti il costo destinato all’alimentazione energetica dei sistemi di riscaldamento durante il periodo freddo rappresenta il 50% della spesa della bolletta energetica di una famiglia media.

I cronotermostati gestiscono la capacità di automonitoraggio essenziale atta ad ridurre ai minimali gli sprechi energetici in quanto essendo collegate alle caldaie, ed intrinsecamente all’impianto di riscaldamento, sono in grado di rilevare possibili guasti al sistema idro-termico.

L’UE, nel periodo invernale,  regolamenta l’uso degli impianti termici di una casa tra i 19 – 21°al fine di evitare sprechi energetici.  Il mancato rispetto di questi valori impone un costoso dispendio energetico infatti anche un solo grado sopra il valore standard stabilito dalla normativa europea comporta un consumo maggiorato al 9%

E’ consigliabile impostare nelle ore notturne valori inferiori ai 17° che oltre ad un risparmio energetico garantiscono anche il giusto apporto di umidità nell’ambiente familiare; difatti oltre ai 23° l’ossigeno rappreso nell’aria si affievolisce in ambienti al chiuso.

I cronotermostati, detti anche termostati intelligenti, sono programmabili sulle abitudini dello stile di vita dell’utente  all’interno del nucleo familiare, favorendo e privilegiando un’ ottimale gestione del calore in sintonia con i propri bisogni e necessità specialmente al momento del risveglio e del rientro a casa dopo una lunga giornata.

Per un risparmio notevole è consigliato impostare lo spegnimento dell’apparecchio e il riavvio della caldaia automatico al rientro in casa, il rispetto dei valori standard impostati dall’unione europee ed il giusto valore di calore durante le ore notturne.

Il modello di cronotermostato che garantisce il massimo risparmio è il modulare grazie all’ausilio una sonda di rilevazione della temperatura esterna.

E’ fondamentale che in casa l’isolamento della struttura sia ottimale in inverno così da evitare dispersioni di calore ma anche d’estate evitando d’intervenire con dispositivi energetici per compensare le continue le perdite termiche. Per ulteriori informazioni visita il sito Scelta Cronotermostato

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.