Set valigie, meglio morbide o rigide?

Per chi viaggia e si muove spesso il set di valigie non può mancare nel bagagliaio dell’auto, in treno o in aereo. Composto da 3 bagagli (grande, medio, piccolo) è la giusta risposta ad ogni esigenza del viaggiatore, ma scegliere un buon set non è sempre semplice come potrebbe sembrare. Primo aspetto da considerare sono le dimensioni, partendo dal presupposto che specialmente se si viaggia in areo la valigia grande e forse anche la media dovranno essere imbarcate nella stiva e dovranno viaggiare separatamente, il che oltre ad essere un’incognita richiede costi supplementari piuttosto salati, variabili da compagnia a compagnia. Quindi, per evitare di dover spedire in stiva almeno la valigia mezzana occhio alle misure e ai regolamenti che fissano le dimensioni massime dei bagagli a mano da portare con sé in cabina.

Ovvio che si dovrà trovare un giusto compromesso fra set di valigie non troppo smart che, in tal caso, non riuscirebbero a contenere il necessario, e altri maxi che potrebbero essere di intralcio per l’ingombro eccessivo. Una via di mezzo non guasta. Le valigie dei moderni set, consultabili su set valigie, si distinguono, poi, per i materiali di fabbricazione e si classificano in morbide e rigide. Vediamo le differenze. Premesso che entrambe le tipologie presentano pro e contro, la scelta ricadrà su un tipo o sull’altro a seconda dell’utilizzo e delle esigenze personali. Ma entriamo nel dettaglio, andando ad esaminare le caratteristiche di entrambe le tipologia.

Partiamo dal set di valigie rigide, connotate dall’impiego di materiali plastici residenti, come l’ABS, usato anche per le carrozzerie delle auto e le serre agricole, il che dà l’idea della sua robustezza. Queste valigie, pressoché indistruttibili, tutelano il contenuto e reggono alle intemperie senza sciuparsi, per questo rispetto alle morbide sono più  longeve, l’unico neo è che sono esposte più esposte a graffiature, comunque meno visibili se la superficie è opacizzata o striata. Data la loro ‘fissità’ non sono conformabili o pieghevoli come un trolley in tessuto e quasi mai hanno tasche esterne trattandosi di pezzi unici la cui struttura non lo consente. Al contrario, le valigie morbide sono realizzate in tessuti sintetici come nylon o poliestere, pesano di meno e grazie alla loro flessibilità si piegano e si ‘rimpiccioliscono’ all’occorrenza entrando dappertutto.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.